SPS Italia 2022, un grosso grazie ai nostri clienti e un arrivederci al 2023



ContactValue non è mancata all’appuntamento con la decima edizione di SPS Italia (Parma 24-26 maggio 2022), la fiera dedicata all’automazione digitale per l’industria intelligente, dove alcuni dei nostri clienti sono stati protagonisti con soluzioni, prodotti e grandi novità. Un riferimento estremamente importante per le aziende manifatturiere che operano nell’ambito dell’automazione integrata e che hanno avuto l’occasione di accedere, con il ritorno in presenza, ad un ricco programma di appuntamenti, convegni e aggiornamenti mirati all’industria del futuro.


ContactValue ha fornito in particolare il suo appoggio a EFA Automazione, Schmersal Italia, wenglor sensoric italiana e Stratus Technologies, organizzando interviste con i giornalisti presenti in fiera, realizzando video reportage con i vari protagonisti degli stand e scrivendo e diffondendo in tempo reale comunicati stampa sui principali accadimenti che nelle tre giornate hanno contribuito ad alimentare la kermesse fieristica. Il tutto seguendo il fil-rouge non solo della tecnologia, ma anche della trasformazione sostenibile, un argomento che ha fatto da filo conduttore in questa tre giorni di confronti e networking che ha visto la presenza di oltre 36mila visitatori e 802 espositori.


Sono numeri che danno la riprova di quanta voglia di ritrovarsi ci fosse dopo un lungo isolamento e che riaccendono con la giusta energia la miccia per rimettere in moto uno degli appuntamenti più attesi del mercato, che fissa già la prossima nuova edizione, sempre a Parma, dal 23 al 25 maggio 2023. Per di più con una importante novità: Greta Moretto - Marketing, Communication & Domestic Events Director - e Daniele Lopizzo - Show Director – assumeranno le redini della nuova regia al posto di Francesca Selva che, dopo tredici anni, lascia Frankfurt Messe, organizzatore di SPS Italia, per andare in pensione.


A Francesca vanno i nostri migliori auguri per il suo prossimo futuro che, ne siamo sicuri, la vedrà impegnata su fronti più tranquilli. A Greta e Daniele, invece, i più grossi in bocca al lupo per l’avventura che li vedrà al timone di un evento che, a tutti gli effetti, può considerarsi un asset importantissimo non solo dal punto di vista fieristico, ma per l’intero comparto industriale nazionale.